L’alimentazione nell’antico Egitto

Condividi e sostieni Historiae Antiquae!

L’Egitto era provvisto di ogni sorta di derrate alimentari e ne importava dall’estero solo per concedersi dei lussi. Alla base dell’alimentazione c’erano il pane, preparato con il frumento, e la birra, preparata con l’orzo; La coltivazione dei cereali, infatti, era una delle attività più importanti del popolo egizio, favorita dalle annuali inondazioni del fiume Nilo, che, lasciando sul terreno grandi quantità di limo, rendevano il terreno così fertile da  permettere di effettuare anche due raccolti all’anno. E’ attestata anche la coltivazione della vite, ma la birra fu sempre preferita al vino che era bevuto soprattutto in occasione delle feste.

Per quanto riguarda i dolci, la loro distinzione dal pane non era molto netta e molte varietà di dolci non erano altro che pane arricchito con latte, datteri o miele.

Sebbene la carne non entrasse nel menu di tutti i giorni, il consumo non si limitava alla carne di bue, alla selvaggina e al pollame, che ornavano soprattutto gli altari degli dèi, ma includeva capre, montoni e maiali, meno costosi e molto diffusi nei villaggi. Gli antichi egizi però alla carne preferivano di gran lunga il pesce, che si trovava in grande quantità nel Nilo, nel Mediterraneo e nel mar Rosso. Sia la carne sia il pesce, se non erano consumati subito, li conservavano essiccandoli o mettendoli sotto sale.

In Egitto si coltivava anche un gran numero di ortaggi e di frutta; erano presenti anche latte e prodotti caseari ma non erano consumati con regolarità.

Tutti questi prodotti alimentari ci sono noti attraverso le raffigurazioni, ma soprattutto grazie al clima eccezionalmente secco che ha permesso la loro conservazione fino ai giorni nostri. Per quanto riguarda la preparazione dei cibi, invece, non ci è pervenuta nessuna ricetta, probabilmente perché la cucina era un argomento trasmesso solo oralmente. La nostra curiosità purtroppo non è appagata neppure dalle raffigurazioni, poiché sui muri delle tombe sono state trovate solo scene che mostrano un pollo o un pezzo di bue, messi ad arrostire o a bollire, ma niente di più; inoltre i testi che commentano i pasti si dilungano sul cerimoniale e la presentazione dei cibi, ma non parlano mai delle ricette e del talento del cuoco.

Le raffigurazioni ci mostrano quasi esclusivamente i banchetti delle celebrazioni funebri, dove i commensali sono seduti uno accanto all’altro su sedie o sgabelli, presso un tavolino carico di cibi, e sono serviti da un gran numero di domestici, mentre musici e cantanti li distraggono. Sembra però che anche i banchetti familiari fossero dei momenti privilegiati, cui gli egiziani dedicavano molta cura e attenzione, adornando le tavole con fiori e coni di profumo e allietando i commensali con i concerti.

/12
5 voti, 5 media

Storia

Quanto sei bravo con le date?

Mettiti alla prova senza cercare su Google!

1 / 12

1. A quale secolo appartiene l’anno 743 a.C. ?

2 / 12

2. A quale secolo appartiene l’anno 31 a.C.?

3 / 12

3. Scegli l’esatto ordinamento delle seguenti date: 51 a.C., 230 a.C., 14 d.C., 138 d.C., 109 a.C., 233 a.C.

4 / 12

4. A quale millennio appartiene l’anno 2300 a.C.?

5 / 12

5. A quale secolo appartiene l’anno 0?

6 / 12

6. A quale secolo appartiene l’anno 901 a.C.?

7 / 12

7. A quale secolo appartiene l’anno 399 d.C.?

8 / 12

8. A quale secolo appartiene l’anno 200 d.C.?

9 / 12

9. Quando inizia e termina il III secolo d.C.?

10 / 12

10. Quando inizia e finisce il I secolo a.C.?

11 / 12

11. Quando inizia e finisce il II millennio a.C.?

12 / 12

12. Quando inizia e termina il III secolo a.C.?

Il tuo punteggio è

0%

Valuta il quiz

Il tonsor

L’uso di radersi la barba è attestato fin dalle...

Il Circo Massimo

Il più antico e grande impianto per spettacoli dell’antica...

Il sistema onomastico romano

In epoca storica, il sistema onomastico romano è documentato...

Due secoli oscuri nella...

Il declino dell’antico patriziato, la nascita di una nuova...

Le terme romane

L’unico autore latino che descrive in maniera abbastanza esaustiva...

La civiltà etrusca

La civiltà etrusca, come ho già accennato parlando dell’Italia...

L’iscrizione di Bisotun

L’iscrizione di Bisotun, la più grande al mondo, è cosiddetta perché incisa sul monte Bisotun (in antico persiano, “luogo dove dimorano gli dèi”). Questo monte...

Il Regno Achemenide da Ciro il Grande a Dario III

Il cuore del regno persiano era il Fars, una regione nell’Iran sud occidentale. I Persiani non erano originari dell’Iran occidentale, ma immigrati, di cui...

Il canto di Ullikummi

Per quanto riguarda
Previous article
Next article
error: Content is protected !!