Top
Il bambino e il gladiatore
fade
3828
page-template-default,page,page-id-3828,page-child,parent-pageid-3809,cookies-not-set,eltd-core-1.1.2,flow-ver-1.5,,eltd-smooth-page-transitions,ajax,eltd-blog-installed,page-template-blog-standard,eltd-header-standard,eltd-fixed-on-scroll,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-slide-from-left,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11,vc_responsive

alt="il bambino e il gladiatore"

Una scoperta commovente

 

A Padova, in Corso Vittorio Emanuele, è stata scavata una superficie urbana di circa 1700 mq. Lo scavo ha rivelato una prima fase di occupazione agraria nel I secolo a.C., seguita dall’impianto di una grande ferriera verso la fine dello stesso secolo. Successivamente, nel II secolo d.C., gran parte degli spazi cambiarono destinazione e accolsero diverse sepolture.

 

Nel corso degli scavi sono state localizzate 36 tombe: 26 cremazioni e 6 inumazioni. Le ceneri erano riposte in casse di legno o in laterizi, alloggiati in semplici buche nel terreno. Alcuni frammenti di pilastri, basamenti e lapidi suggeriscono che vi fossero anche monumenti funerari in pietra, distrutti durante una nuova ristrutturazione dell’area.

 

La scoperta più commovente, che apre una finestra sul mondo dell’infanzia nell’antica Roma, è rappresentata dalla tomba 19 dove era stato sepolto un bambino, appartenente a una famiglia agiata, probabilmente maschio, di circa 3 anni. Il corpicino, strettamente fasciato, era stato deposto in una cassa di legno con il capo sollevato da un cuscino in materiale deperibile. L’oggetto più significativo del corredo funebre è una statuetta di un gladiatore, completo di elmo modellato a parte e assemblabile, come un giocattolo moderno.

 

La statuetta, alta 16 cm, era vivacemente colorata e il gladiatore indossa una veste stretta in vita, un mantello corto e lo scudo al braccio sinistro.

 

Non sappiamo se la figurina in terracotta sia stata un giocattolo o un dono che doveva accompagnare il bimbo nell’aldilà, ma è probabile che fosse il suo soldatino preferito. La statuetta, infatti, era dotata di un meccanismo che gli permetteva di mettere e togliere l’elmo e probabilmente anche di muovere il braccio destro, con il gladius, per simulare il duello.

 

fonte: Archeo (sett. 2013)