Il risveglio nell’Impero Romano

Condividi e sostieni Historiae Antiquae!

I Romani si svegliavano molto presto, generalmente all’alba; l’illuminazione artificiale era molto scarsa e tutti approfittavano il più possibile della luce del giorno.

Il risveglio era un’operazione semplice e rapida perché la stanza da letto era piccola e poco ospitale; l’arredamento era molto essenziale e in genere nella camera si trovavano solo il letto, una sedia, il vaso da notte e uno scendiletto. I letti potevano essere anche molto suntuosi, ma non erano mai comodi: il materasso e il guanciale dei poveri erano imbottiti di fieno o foglie di canna, mentre quelli dei ricchi di lana tosata o con piume di cigno, ma tutti poggiavano su cinghie incrociate ed erano sprovvisti sia di molle, sia di lenzuola; c’erano solo due coperte, una da mettere sul materasso e una per coprirsi sulla quale era sovrapposta una trapunta o un copriletto damascato.

I Romani non hanno mai avuto niente che somigliasse alle nostre calze e andavano a dormire a piedi nudi; non erano abituati a spogliarsi e, prima di mettersi a letto, si toglievano soltanto il mantello e le scarpe: soleae (sandali in cui la suola era tenuta con lacci avvolti al collo del piede), crepidae (sandali di cuoio intrecciato), calcei (scarpe di cuoio con stringhe) o caligae (stivaletti molto robusti usati dai soldati Romani). Le scarpe venivano lasciate sul toral, una sorta di scendiletto posta ai piedi del letto.

Gli antichi Romani distinguevano due tipi di indumenti: quelli in cui “si entra” (indumenta) e quelli con cui ci si avvolge (amictus). Il più “intimo” degli indumenta era il licium, un semplice perizoma di lino, annodato intorno alla vita; sopra a esso indossavano la tunica interior (subucula), una specie di camicia di lino o di lana, lunga fino alle ginocchia, che si infilava dalla testa e si stringeva intorno al corpo con una cintura.

I più freddolosi indossavano due subucule, o perfino tre come l’imperatore Augusto (Svetonio, Aug., 82).

Sopra questa tunica i Romani ne infilavano un’altra, la tunica exterior.

La tunica dei militari era più corta di quella dei civili, e quella dei semplici cittadini era più corta di quella dei Senatori.

Il latus clavus, la larga banda di porpora posta sul davanti della tunica in senso verticale, costituiva il decoro riservato ai Senatori, mentre l’angustus clavus, una doppia fascia ugualmente purpurea ma di minor spessore, era distintiva dell’ordine equestre. Successivamente, tali decorazioni non costituiranno più un segno distintivo del rango sociale, ma saranno indossate solo da chi può permettersi l’acquisto della costosissima porpora di Tiro.

Questa tunica aveva le maniche corte, quindi era necessario indossare un amictus che avvolgesse gli indumenta. L’amictus romano era la toga, un semicerchio di lana bianca che in età repubblicana aveva un panneggiamento molto contenuto (toga restricta), mentre in età imperiale è molto ricca e solenne e ha un diametro di 2,7 metri (toga fusa). Questa toga per tutto l’alto impero restò l’abito da cerimonia dei Romani, indispensabile per lo svolgimento di tutte le attività civiche.

Il vestiplicus, lo schiavo addetto all’abbigliamento del padrone aiutava a disporre sapientemente le pieghe per creare l’ampio sinus, che dal braccio sinistro scendeva fino ai piedi, e il balteus, che dalla spalla scendeva fino a oltre il ginocchio.

Questa toga era complicata da indossare e da drappeggiare, era molto pesante ed era un’impresa mantenerla bianca. Per questi motivi, nonostante gli imperatori cercassero di imporne l’uso, ben presto la toga fu abbandonata anche dai magistrati e fu sostituita da un amictus ispirato alla moda greca, molto più semplice e veloce da indossare.

La toga praetexta, bordata da una fascia di porpora, era l’abito riservato a dittatori, sommi magistrati, consoli, pretori, edili e ad alcuni sacerdoti. La indossavano anche i fanciulli fino all’età di 17 anni, quando, in una solenne cerimonia che segnava l’avvento dell’età adulta, iniziavano a vestire la toga bianca e senza ornamenti.

La toga picta o palmata, di qualsiasi colore e ornata di ricami in oro a forma di palma, durante tutta l’età repubblicana fu una prerogativa riservata ai consoli durante la celebrazione di un trionfo. Con l’avvento dell’impero l’usanza si estese anche ai consoli e ai pretori per la celebrazione dei ludi circensi.

Per ripararsi dal freddo, sopra la toga o la tunica, I Romani erano soliti indossare mantelli con cappuccio, il più noto dei quali era la lacerna, un mantello di lana corto fermato sotto il mento o sulla spalla da una fibbia. Inizialmente era considerata una copertura rozza, ma durante l’impero iniziò a essere confezionata con lane morbide multicolori e impreziosita da frange e ricami, tanto da avere larghissima diffusione e diventare uno dei mantelli più usati dal ceto borghese.

La paenula rappresentava l’alternativa più semplice, formata da un semplice cerchio di lana, tanto ampio da giungere fino alle ginocchia, con un foro al centro per far passare la testa.

Tra i mantelli più celebri, c’era la caracalla, un lungo mantello con cappuccio importato dai Galli, da cui deriva il soprannome dell’imperatore Marco Aurelio Antonino Augusto, noto appunto come Caracalla, che ne introdusse l’uso soprattutto tra i militari.

Per quanto riguarda la colazione, essa consisteva solo in un bicchier d’acqua e anche l’igiene personale era molto approssimativa. L’uso del sapone era ancora sconosciuto e la cura corporis si limitava a immergere le mani e il volto nell’acqua fresca, poiché sapevano che alla fine del pomeriggio sarebbero andati alle terme pubbliche, o i più fortunati, nel loro balneum privato. E così restò fino al IV secolo.

Continua a leggere…

La toilette dei Romani presso il tonsor.

/12
5 voti, 5 media

Storia

Quanto sei bravo con le date?

Mettiti alla prova senza cercare su Google!

1 / 12

1. A quale secolo appartiene l’anno 743 a.C. ?

2 / 12

2. A quale secolo appartiene l’anno 31 a.C.?

3 / 12

3. Scegli l’esatto ordinamento delle seguenti date: 51 a.C., 230 a.C., 14 d.C., 138 d.C., 109 a.C., 233 a.C.

4 / 12

4. A quale millennio appartiene l’anno 2300 a.C.?

5 / 12

5. A quale secolo appartiene l’anno 0?

6 / 12

6. A quale secolo appartiene l’anno 901 a.C.?

7 / 12

7. A quale secolo appartiene l’anno 399 d.C.?

8 / 12

8. A quale secolo appartiene l’anno 200 d.C.?

9 / 12

9. Quando inizia e termina il III secolo d.C.?

10 / 12

10. Quando inizia e finisce il I secolo a.C.?

11 / 12

11. Quando inizia e finisce il II millennio a.C.?

12 / 12

12. Quando inizia e termina il III secolo a.C.?

Il tuo punteggio è

0%

Valuta il quiz

Il tonsor

L’uso di radersi la barba è attestato fin dalle...

Il Circo Massimo

Il più antico e grande impianto per spettacoli dell’antica...

Il sistema onomastico romano

In epoca storica, il sistema onomastico romano è documentato...

Due secoli oscuri nella...

Il declino dell’antico patriziato, la nascita di una nuova...

Le terme romane

L’unico autore latino che descrive in maniera abbastanza esaustiva...

La civiltà etrusca

La civiltà etrusca, come ho già accennato parlando dell’Italia...

L’iscrizione di Bisotun

L’iscrizione di Bisotun, la più grande al mondo, è cosiddetta perché incisa sul monte Bisotun (in antico persiano, “luogo dove dimorano gli dèi”). Questo monte...

Il Regno Achemenide da Ciro il Grande a Dario III

Il cuore del regno persiano era il Fars, una regione nell’Iran sud occidentale. I Persiani non erano originari dell’Iran occidentale, ma immigrati, di cui...

Il canto di Ullikummi

Per quanto riguarda
error: Content is protected !!